venerdì 13 maggio 2016

Una favola della buona notte


In questi giorni mi chiedevo: “Perché non pubblicare qualche poesia o racconto?”, non mi sembra una cattiva idea in fondo, dopotutto pubblico sempre e solo articoli scemi o che trattano di scienza.

Ma allora perché non pubblicare favole? Per bambini! O racconti o altro ancora, la sera prima di andare a dormire. Ed eccomi qui a condividere con voi il mio lato “emotivo”, testi che hanno caratterizzato la mia infanzia e la mia vita. Oggi vi propongo “A inventare i numeri”, favola di Gianni Rodari che fa parte della raccolta Favole al Telefono, del 1962, che mio padre mi leggeva da piccola e di cui ricordo molte favole a memoria (come questa).

Per giunta non sono le solite favole, ma sono folli, pazzie, senza senso. Meravigliose! Proprio come la mente dei bambini e proprio come ogni adulto. E quindi oggi inventiamo numeri!

A inventare i numeri

         - Inventiamo dei numeri?
       - Inventiamoli, comincio io. Quasi uno, quasi due, quasi tre, quasi quattro, quasi cinque, quasi sei.
    - È troppo poco. Senti questi: uno stramilione di biliardoni, un ottone di millantoni, un meravigliardo e un meraviglione.
        - Io allora inventerò una tabellina:
                                       tre per uno Trento e Belluno
                                       tre per due bistecca di bue
                                       tre per tre latte e caffè
                                       tre per quattro cioccolato
                                       tre per cinque malelingue
                                       tre per sei patrizi e plebei
                                       tre per sette torta a fette
                                       tre per otto piselli e risotto
                                       tre per nove scarpe nuove
                                       tre per dieci pasta e ceci.
          - Quanto costa questa pasta?
          - Due tirate d'orecchi.
          - Quanto c'è da qui a Milano?
          - Mille chilometri nuovi, un chilometro usato e sette cioccolatini.
          - Quanto pesa una lacrima?
       - Secondo: la lacrima di un bambino capriccioso pesa meno del vento, quella di un bambino affamato pesa più di tutta la terra.
          - Quanto è lunga questa favola?
          - Troppo.
       - Allora inventiamo in fretta altri numeri per finire. Li dico io, alla maniera di Modena: unci dunci trinci, quara quarinci, miri miminci, un fan dès.
         - E io li dico alla maniera di Roma: unzi donzi trenzi, quale qualinzi, mele melinzi, riffe raffe e dieci.



Spero vi sia piaciuta, e ora vi chiedo: che favole o libri vi leggevano i vostri genitori quando eravate bambini?

Andrà lontano? Farà fortuna? Raddrizzerà tutte le cose storte di questo mondo? Noi non lo sappiamo, perché egli sta ancora marciando con il coraggio e la decisione del primo giorno. Possiamo solo augurargli, di tutto cuore: - Buon Viaggio!


Il giovane Gambero, Favole al Telefono

5 commenti:

  1. Che bello, adoro le fiabe di Rodari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io :) poi tu hai una splendida voce quindi sarebbero una meraviglia da ascoltare!

      Elimina
    2. Grazie! Vi ho promesso anche una fiaba, prima o poi, e lo farò. Abbi fiducia :)

      Elimina
  2. Adoro le fiabe e da quando è nato mio figlio ho la fortuna di poterne leggere molte :)
    Mi sono iscritta con grande piacere tra i tuoi lettori fissi (sono la nr 14), se ti va di ricambiare, o anche solo se ti va di dare un'occhiata al mio blog, mi trovi su www.mammatoday.com
    Un abbraccio,
    Angi

    www.mammatoday.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello avere un bambino! Io nel mio caso le leggo alla mia figlioccia o ai miei cuginetti :) Grazie, mi fa molto piacere che ti sia iscritta, ricambio volentieri! Un abbraccio anche a te ;)

      Elimina